August 24, 2017
You can use WP menu builder to build menus

Come applicare i requisiti della ISO 9001:2015 scelta ed utilizzo di tecniche e strumenti di base per la valutazione e gestione del rischio


  • Obiettivi:

    Il corso intende fornire un supporto pratico per mettere in grado i partecipanti ad applicare l’approccio basato sul rischio richiesto dalla norma nel modo più efficace ed utile al miglioramento dei processi e delle prestazioni della propria organizzazione. Si porranno le basi per scegliere ed applicare le tecniche, gli strumenti e/o le metodologie più adatte a sviluppare ogni punto della ISO 9001:2015 in relazione alle caratteristiche ed alle esigenze specifiche dei processi dell’organizzazione per cui si opera.

     


  • Destinatari:

    I destinatari sono gli attori del mondo della qualità che intendono applicare i requisiti della norma ottenendone nuovo valore aggiunto per l’organizzazione: responsabili aziendali, responsabili del SGQ, valutatori interni, consulenti, valutatori esterni, altri referenti organizzativi interessati.

  • Prerequisiti:

    Conoscenza di base delle norme ISO 9001 edizione 2015 e/o precedenti


  • Attestato:

    A tutti i partecipanti verrà rilasciato l'attestato di partecipazione.

  • Programma:

    High Level Structure (HLS): le novità rilevanti comuni delle nuove ISO 9001:2015 derivanti dalla struttura di alto livello.
    Il processo di gestione del rischio in accordo alla ISO 31000 (edizione 2009 e sviluppi in corso)
    Strumenti e tecniche per la valutazione del rischio; principi e linee guida per la scelta degli strumenti e delle tecniche più idonee alle diverse circostanze, prendendo spunto dalle linee guida IEC 62740:2015 (Root Cause Analysis – Analisi delle Cause Profonde) e IEC/ISO 31010 (Risk assessment techniques - Tecniche per la valutazione del rischio)
    Le principali tecniche di identificazione, analisi e valu-tazione del rischio e della sua significatività, quali ad esempio:

    • Brainstorming, Interviste, Focus group, Workshop, Check-list
    • Analisi PESTLED e SWOT
    •  Analisi causa-effetto (diagramma di Ishikawa), Root Cause Analysis
    • FMEA, HACCP,HAZOP, ALARP
    • Analisi di scenario, Albero degli eventi, Business Impact Analysis (BIA)
    • Analisi costi-benefici
    • Valutazione delle prestazioni e dell’affidabilità del fattore umano


    Le tecniche verranno esaminate attraverso esempi applicativi dedicati ai vari punti della ISO 9001:2015, al fine di poter scegliere ed utilizzare tecniche più ap-propriate per le finalità e le condizioni specifiche (requisito da soddisfare e caratteristiche dei processi dell’organizzazione). Non ci si fermerà alla sola valutazione, ma, sulla base dei risultati della stessa, si discuteranno le possibili opzioni sulle azioni per affrontare i rischi (trattamento).
    Inoltre, molte delle tecniche descritte nella IEC/ISO 31010 (Tecniche per la valutazione del rischio) sono conosciute anche come classici strumenti manageriali per la qualità, a conferma della stretta correlazione tra i due ambiti.

    Didattica
    Verrà utilizzato un mix di didattica frontale (20-30%) e di lavoro di gruppo (workshop – 70-80%) su casi di studio o, meglio, su situazioni specifiche di interesse dei partecipanti.
    Sono previste esercitazioni di gruppo.

     


  • Durata:

    16 ore

  • Inzio corso: 2017-09-27

  • Fine corso: 2017-09-28

  • Costi:

    Non soci di AICQ Triveneta € 600,00
    Per i soci AICQ Triveneta sono previste forme di agevolazione e si prega di contattare la segreteria.
    Sono inclusi pranzo e coffe break

    Informazioni per l’iscrizione:

    È possibile accedere al form di iscrizione dal link seguente:

    https://goo.gl/forms/gzFPjLOGo1X5EXNt1

    Oppure via  mail a:
    info@aicqtv.net
    oppure
    segreteria@obiettivoambiente.com

    con oggetto: “Iscrizione Workshop Risk Management Avanzato del 27 e 28 settembre”


  • Docente: Ing. Gennaro Bacile di Castiglione: Membro del GL UNI “Gestione del Rischio” sin dall’istituzione (2004) per la stesura della UNI 11230:2007 (Gestione del Rischio – Vocabolario). Da dicembre 2012 coordina questo GL. Membro del WG ISO per la stesura della ISO 31000:2009 e del successivo ISO/TC 262 sul Risk Management. Par-tecipa ai WG ISO e ISO/IEC che stanno revisionando la ISO 31000 e la IEC/ISO 31010. Ha partecipato ai lavori in UNI per la ISO 9001:2015 e per la ISO 14001:2015 ed è rientrato nel GL UNI che segue lo sviluppo della ISO 45001:201X (che sostituirà la OHSAS 18001).

  • Indirizzo: Obiettivo Ambiente s.r.l. Viale della Navigazione Interna, 35 35129 Padova (PD)